Intervista: il Capo Animatore Teresa Lamberti

Conosciamo la figura del Capo Animatore con Teresa Lamberti, che ha ricoperto per ben sette anni questo ruolo in MSC, lavorando a bordo di tutte le Classi della flotta.

Il Capo Animatore si occupa della gestione dell’intrattenimento riservato agli ospiti adulti ed è coadiuvato da 12 collaboratori e 2 o più istruttori di ballo. Come ci dice Teresa, “l’animazione è il cuore della nave, indispensabile alla buona riuscita della crociera” e le attività che vengono organizzate coprono tutto l’arco della giornata ed, anzi, buona parte della nottata. E’ proprio per questo che la vita da animatore è abbastanza frenetica e dagli orari particolari, per essere pronti alle nove di ogni mattina con la canonica aerobica e allo stesso modo carichi all’una di notte nel lounge principale.

Volevo fare una nuova esperienza, mi piace stare a contatto e interagire con le persone, nonché viaggiare e, alla fine, ho trovato un certo feeling… ho capito di amare il mio lavoro” ci racconta Teresa. Una volta divenuta Capo Animatore ha dovuto mettere in pratica le sue doti di leadership, per riuscire a far rendere al meglio il suo team, mantenerlo efficiente, soprattutto “ascoltando le loro impressioni, perché essere il capo non significare decidere e basta, serve uno scambio di idee, un dare ed avere, senza la squadra io non sarei nulla”, conclude. A tal proposito il loro obiettivo è quello di invogliare tutti gli ospiti a partecipare alle attività per rendere la loro crociera il più piacevole possibile, ma il tutto senza mai sfociare in quella tipologia di animazione assillante che molte volte si può ritrovare in alte realtà vacanziere. Il punto di forza è, come in ogni cosa, “la cordialità, la cortesia e la pazienza, riuscire a rapportarsi al meglio con tutte le varie tipologie di persone a bordo. Per fare questo serve sicuramente una dote innata, un essere solare in ogni occasione, per poterla affrontare al meglio”, ci racconta Teresa. L’offerta di bordo viene modificata a seconda delle “campagne” e delle stagioni. Infatti durante l’estate e quando la nave naviga in acque calde, è più viva, movimentata, improntata principalmente sull’utilizzo delle aree esterna per l’organizzazione di giochi, quiz e quant’altro. Dal punto di vista della partecipazione “il popolo latino è quello più voglioso di partecipare a differenza di inglese e tedeschi che prediligono le attività più tranquille come i quiz

Nei suoi sette anni di lavoro con MSC Teresa Lamberti ha avuto occasione di testare quasi tutte le navi della flotta e delle tre Classi. Come anche noi di MSC Fans abbiamo potuto constatare a bordo di MSC Armonia nel dicembre e nell’aprile scorsi, la Classe Lirica presenta un rapporto più diretto tra l’animatore e l’ospite, una sorta di ambiente familiare che mette a suo agio. Dal lato opposto con la Classe Fantasia l’animazione muta e diviene più “soft”, Teresa la definisce “animazione discreta”, a causa del grande numero di persone imbarcate che dunque non dà la possibilità al team d’animazione di coinvolgere tutti, nonostante il loro grande impegno. Invece la Classe Musica è “la Classe perfetta” per la sua conformazione.